Bcaptured

Your awesome Tagline

0 note

Alimentazione, massimo equilibrio negli abbinamenti

In tempi remoti era difficile se non impossibile pensare di abbinare i cibi in maniera corretta. La penuria, le difficoltà, i periodi di carestia certamente non costituivano un buon viatico per poter fare considerazioni, giuste e corrette, ma per quegli uomini erano aspetti meramente secondari, valutazione di carattere accademico. Dovendo per prima cosa sopravvivere non si creavano di certo il problema o il complesso se l’abbinamento fosse corretto e giusto. Si nutrivano con quello che potevano e con quello che avevano. Fortunatamente oggi nel nostro pianeta le situazioni sono profondamente mutate, e il benessere che ne è derivato a portato a valutare e considerare che il nostro fisico ha necessità di varie sostanze e che le combinazioni fra loro possono creare effetti non voluti. Se in tempi difficili e duri la parola enzima non era di certo aspetto preminente, oggi in epoca di abbondanza è divenuta molta nota. Nell’eseguire una attività sportiva è fondamentale mettere in condizioni ottimali il nostro fisico, esattamente con le stesse attenzione con cui ci dedichiamo alla fine degli esercizi fisici. Se ti alleni facendo sollevamento pesi in palestra, alimentazionebodybuilding.com è una buona risorsa per capire cosa devi mangiare per non far mancare nulla al tuo corpo. Aspetti che possono essere valutati come semplici, quasi elementari, ma che alle volte si ha la tendenza a sottovalutare: mangiare bene è importantissimo! Una corretta alimentazione, equilibrata è la fonte e base per fare del bene al nostro fisico. Siccome oggi sappiamo che, non tutti i cibi vengono essere digeriti nella stessa maniera, dobbiamo fare attenzione nel combinarli fra loro. Un qualcosa che nel passato dell’essere umano era del tutto ignorato per pratiche ed vitali situazioni, oggi invece deve diventare aspetto fondamentale al quale dobbiamo porre sempre più la doverosa attenzione. 

0 note

Provando la creatina..

Quest’oggi ho deciso di condividere con voi i miei passi avanti nella cura di me stesso. Mi sono messo seriamente al lavoro in palestra e ho deciso di “alzare il livello” curando con una certa disciplina l’alimentazione. Ma non mi sono fermato qui.. Ho iniziato anche a prendere qualche integratore perché voglio che i risultati siano visibili il prima possibile. Per prima cosa ho fatto quattro chicchiere con il trainer in palestra e mi sono chiarito le idee su che tipo di integratori potevano essere più interessanti per la mia situazione. E poi? A questo punto mi sono chiesto, dove comprare questi integratori?

I negozi specializzati in zona avevano prezzi abbastanza alti e così mi sono deciso a cercare un po’ per la rete. Ho trovato questa pagina con una classifica della migliore creatina in commercio e non mi sono trovato male con i loro consigli ma devo dire che io non sono un esperto e ho anche delle necessità da principiante. I più esperti tra voi sapranno quasi sicuramente dove andare a procurarsi quello che gli serve. Nel dubbio, io mi sono trovato bene qua ^^.

I miei muscoli sono ancora lontani dallo stato che desidero ma so che con allenamenti intensi, una buona dieta e la giusta integrazione i risultati arriveranno presto. Quindi facciamo un brindisi con beveroni di proteine e alla prossima!

0 note

Perdere peso nel modo giusto

Ragazzi, vi ho già parlato a lungo di come mangio e perché, spero di non avevrvi troppo annoato.

Ad ogni modo, in questi giorni credo di aver avuto una sorta di rivelazione per quanto riguarda il dimagrimento.. Insomma, dopo tutte queste avventure penso di aver capito che se uno vuole fare le cose le deve fare per bene. Io direi, ci vogliono le informazioni per dimagrire subito e tanta forza di volontà. Anzi, mi correggo, per dimagrire non ci vuole forza di volontà, quella non funziona. Per dimagrire ci vuole il coraggio di cambiare stile di vita ed evolversi. A buon intenditor poche parole!

Alla prossima!

0 note

La mia disavventura con le diete

Ragazzi, mi devo confessare, sono il classico tipo con la pancetta! Ok, ora che mi avete scoperto vorrei procedere a raccontarvi della mia traumatica esperienza con le varie diete che ho provato. Mi piace mangiare, ma non eccessivamente. Non sono un vero mangione. Casco un po’ sullo stile di vita: sono un fumatore e il mio lavoro mi porta a muovermi poco. Una partita di calcetto ogni tanto ed è finita lì.. Poi va beh, c’è la classica serata pizza e birra con gli amici ogni tanto, ma siamo comuni mortali!

Quando avevo 15 anni, un mattino mi sono svegliato e ho deciso che era ora di trovarmi una ragazza. Per questo motivo ho ritenuto opportuno fare 15 flessioni al giorno, 25 addominali e contare il numero di biscotti ammessi a colazione. Oltre a quello, mi limitavo ovviamente anche durante gli altri pasti ma il punto cruciale della storia riguarda proprio la conta dei biscotti. Mia madre, terrorizzata da quegli spot contro l’anoressia, ha scatenato una terribile guerra nei confronti della mia dieta. Sia mai che dal contare i biscotti sarei passato al mangiare solo insalata una volta alla settimana! La mia dieta terminò entro qualche settimana, dopo un instancabile bombardamento di torte e nutella.

Sono sempre stato un tipo determinato. Qualche anno più tardi, ne avevo forse 17, mi tornò la voglia di mettermi alla prova. Questa volta però le mie capacità logiche si erano parecchio sviluppate. Ho letto tutto il materiale che ho trovato e mi sono deciso a seguire un piano di alimentazione ben preciso. Calcolavo tutte le calorie di quello che mangiavo e a fine giornata non dovevo aver superato una certa soglia. Forse a causa della delusione precedente, ho usato la mano vermente poesante quella volta. I risultati arrivarono in fretta e con grande soddisfazione divenni veramente magro. Il problema? Ero pur sempre un seghino senza mezzo muscolo sul corpo! Mi aspettavo molto di più dal mè stesso magro! Non ero poi un granché davanti allo specchio. E quindi via, era ora di andare in palestra. Così cominciai con la palestra e tanto per cambiare mi sono letto tutto quello che capitava a tiro su come ottenere buoni risutati in palestra.

Ora, non so quanto siate pratici voi di palestra. Ma se ne sapete qualcosa, immagino sappiate che molte delle diete che ci sono lì fuori sono modellate su quelle dei campioni di bodybuilding come Coleman. Il problema è che quei bestioni hanno un sacco di muscolatura da mantenere che, sommata ad un uso pesante di farmaci, rende necessario uno spaventoso consumo di calorie. Ma nessuno te lo dice, non si può scrivere “dieta per dopati”, suona male. Quindi ho iniziato a magnare come se non ci fosse un domani per “massimizzare i risutati in palestra”. Un kg di muscoli e 10 kg di grasso dopo ho deciso che forse quello non era il modo migliore per migliorare il mio aspetto fisico. In compenso non abbandonai più le palestre per diverso tempo, mettendo basi muscolari su cui campo ancora oggi.

Tanto per non farmi mancare nulla, qualche anno più tardi mi trovai una bella fidanzata vegana che mi portò, volente o nolente, a mangiare un sacco di prodotti vegani. Mi chiedevo come facessero ad esserci così tanti vegetariani e vegani ciccioni. Me li immaginavo a vivere di zuppa di tofu e robe del genere. Niente di più sbagliato. I supermercati vegani sono pieni delle peggio merendine senza uova e burro ma piene di zuccheri fino a scoppiare. Ovviamente con un prezzo 4 volte superiore ad un prodotto per schifosi carnivori. Ne ho mangiato di tofu, di legumi e di seitan; devo dire che alcuni di quei piatti sono davvero meravigliosi. Rimango tuttavia convinto che, specialmente se si fa un po’ di attività fisica, le proteine animali siano fondamentali. Esiste qualche campione sportivo vegan? Sarei curioso di saperlo… Fatto sta che anche mangiando vegan la mia pancetta non ha fatto che consolidarsi intorno al mio addome anche se fortunatamente non ho mai più raggiunto il livello di ciccionaggine che avevo da bambino.

Oramai sono uno sgamato per quanto riguarda le diete. Me le sono studiate tutte, la paleo, la metabolica, la chetogenica, la dieta del minestrone ecc ecc ecc. Ma per il mio nuovo tentativo ho deciso di provare un approccio diverso, scoperto su dimagrire velocemente. Nella mia esperienza ho infatti perso peso soprattutto quando, per motivi esterni alla mia volontà, mi sono ritrovato a fare molto più movimento del solito. E non sto parlando di palestra o altri sport. Sto parlando di lunghe camminate per andare a fare delle commissioni o comunque attività non finalizzate al perdere peso in sè. La riflessione che ho fatto è che qualsiasi dieta o sistema di allenamento sono una imposizione artificiale al proprio stile di vita. Imposizioni che faticano a sopravvivere al tempo che passa e agli stress inevitabili della vita di tutti i giorni. L’unico modo per vivere TUTTA LA VITA in forma è creare uno stile di vita che, sempre volente o nolente, ti porti a mantenere il pesoforma.

Cosa ho intenzione di fare? Lasciare la macchina a fare la muffa in garage e comprarmi una bella bicicletta. Andare a lavoro o qualsiasi commissione richiederà un sano consumo di calorie, senza contare tutti gli altri benefici al mio fisico. Probabilmente la strada non sarà spianata ma alla fine della fiera se riesco in questo modo a cambiae il mio stile di vita ne trarrò vantaggio per sempre. Avete mai notato che in quei paesi dove tutti usano la bicicletta sono tutti magri? Io si, e voglio diventare come loro!